Nuova pavimentazione per il terrapieno della laguna

Su segnalazione di un amico, che qualche giorno fa ha visto i macchinari utilizzati per asfaltare le strade sul tratto di ciclabile tra Grado e Belvedere, oggi sono stato a verificare la situazione. Devo confessare una certa delusione quando, al posto di una dura striscia di asfalto, mi si è presentata davanti agli occhi una pallida pavimentazione rappresentata da terra pressata. Praticamente la nuova pavimentazione è stata realizzata stendendo un ulteriore strato di brecciolino, amalgamato con delle resine (così dicono i bene informati) e pressandolo con un rullo compattatore per asfalto.

Per carità, ora il fondo della ciclabile è perfettamente liscio e scorrevole, ma le perplessità restano. Anche nel mese di maggio dello scorso anno era stata fatta un’operazione similare. Però quel materiale ha resistito solo per pochissimi mesi: poi ha perso consistenza creando tutti i problemi riportati in alcuni dei post che trovate in questo sito. Inoltre il nuovo strato di ghiaia ha innalzato in molti punti il livello della ciclabile ben oltre il livello della limitrofa stada regionale asfaltata. Questo provocherà di sicuro la formazione di pozzanghere con il conseguente ristagno d’acqua (che di sicuro provocherà dei problemi alla stabilità di questa pavimentazione). Per finire, senza entrare nel merito relativamente alla probabile azione corrosiva dell’acqua salmastra della laguna sulla resina impiegata per compattare la pavimentazione della ciclabile, vorrei far notare come sia sufficiente premere semplicemente con un dito il bordo di questa pavimentazione per farla letteralmente sbriciolare!

Secondo voi, questa pavimentazione resisterà intatta fino alla fine dell’estate o si sfalderà prima? Si accettano scommesse!

Ivan Bortolin dicono:
18/04/2012 a 12:17
Quel materiale l’ho già visto in alcuni vialetti di ristoranti/abitazioni. Lo usano per avere l’effetto strada di campagna, ma senza la polvere e le buche… sinceramente non saprei quanto dura, specialmente se esposto alla salsedine… Ma una striscia di asfalto fa così tanto schifo?

saccobent dicono:
19/04/2012 a 22:19
Sto rileggendo alcuni articoli apparsi sul quotidiano locale “Il Piccolo” sul finire delle scorsa estate. Nel primo, il comune di Cervignano segnalava la pericolosità del tratto tra Cervignano e Grado dovuta al materiale usato per la pavimentazione della ciclabile. La Provincia di Udine, per voce dell’assessore al turismo Franco Mattiussi, che risiede proprio ad Aquileia, ribatteva che per la ciclabile tra Cervignano e Belvedere “ci sono stati dei problemi di staticità da risolvere” mentre per la parte che corre sulla laguna, “trattandosi di un sito di interesse comunitario, molto sensibile dal punto di vista ambientale, il tratto della pista tra Belvedere e Grado non verrà asfaltato”. Poche settimane dopo, l’intensificarsi delle proteste dei cicloturisti porta alla pubblicazione, sempre sul quotidiano “Il Piccolo”, di un chiarimento da parte dell’assessore Riccardo Ronchiato, del comune di Grado. L’assessore spiega le modalità costruttive dell’opera, le cause del deterioramento della pavimentazione e perchè siano stati adottati questi materiali. Ecco quanto riportato nell’articolo: “l’attuale fondo si è sgretolato in più parti con il caldo e l’uso (…). Attualmente la pavimentazione della pista ciclabile è realizzata con un impasto di materiale proveniente dalla frantumazione di pietrame da cava. Sopra doveva essere stesa la resina che sarebbe servita a mantenere compatta e definitiva la pavimentazione e consentendo di poter percorrere la ciclabile senza paura di forature. La scelta del materiale usato e di quanto verrà ancora fatto è determinata dalle indicazioni della Soprintendenza per i beni paesaggistici che ha pure stabilito la colorazione della pavimentazione per limitare al massimo l’impatto ambientale”.
Ora chi mi spiega perchè una pista ciclabile è così impattante per l’ambiente, mentre la trafficata strada regionale che corre in parallelo sembra non provocare alcun impatto sull’ecosistema, tant’è che in concomitanza della realizzazione della pista ciclabile, la strada regionale è stata allargata di oltre un metro? Con asfalto, ovviamente!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>